Il ciclo della violenza  

dinamiche psicorelazionali : è uno schema tendente a riprodursi nel tempo, spesso con aumento di frequenza ed intensità dei maltrattamenti agiti.                       

                                                              

    

Le violenze sono di natura: fisica, psicologica, economica, sessuale

          

 

 

 

VIOLENZA SESSUALE - Ogni imposizione di pratiche sessuali non desiderate. Sono compresi comportamenti quali: coercizione alla sessualità, essere insultata, umiliata o brutalizzata durante un rapporto sessuale, essere presa con la forza, essere obbligata a ripetere delle scene pornografiche, essere prestata a qualcuno per un rapporto sessuale...

VIOLENZA FISICA - Ogni forma di intimidazione o azione in cui venga esercitata una violenza fisica sulla donna. Sono compresi comportamenti quali: spintonare, costringere nei movimenti, sovrastare fisicamente, rompere oggetti come forma di intimidazione, sputare contro, tirare i capelli, calciare, picchiare, schiaffeggiare, privare di cure mediche, privare del sonno, sequestrare, impedire di uscire o di fuggire... fino all’uccisione.

VIOLENZA ECONOMICA - Ogni forma di privazione e controllo che limiti l'accesso all'indipendenza economica della donna. Sono inclusi comportamenti quali: privare delle informazioni relative al conto corrente e alla situazione economica del partner, non condividere le decisioni relative al bilancio familiare, costringere la donna a spendere il suo stipendio nelle spese domestiche, costringerla a fare debiti, tenerla in una situazione di privazione economica continua, rifiutarsi di pagare un congruo assegno di mantenimento o costringerla a umilianti trattative per averlo, impedirle di lavorare, sminuire il suo lavoro, obbligarla a licenziarsi o a cambiare tipo di lavoro oppure a versare lo stipendio sul conto dell'uomo...

VIOLENZA PSICOLOGICA - La violenza psicologica accompagna sempre la violenza fisica ed in molti casi la precede. Si manifesta con molteplici tipologie e modalità: svalorizzazione, trattare come un oggetto, eccessiva attribuzione di responsabilità, induzione di senso di privazione, distorsione della realtà oggettiva, comportamento persecutorio (stalking), induzione di paura cronica...

 

Le violenze sono anche di stato 

Le violenze agite nel privato hanno una origine lontana, secolarizzata, culturale a valenza pubblica o "di stato". E' il patriarcato ancora dominante che produce potenti discriminazioni fra uomini e donne costruendo stereotipie rigide divulgate in ogni dove come naturalizzate. Decostruire questo sistema presente in famiglia, nell'educazione, nell' istruzione, nel lavoro produttivo, nel lavoro di cura e riproduzione gratuito e nella salute delle donne ( contraccezione, maternità libera e consapevole) è  processo indispensabile ed urgente da innescare per liberare le persone appartenenti al genere umano restituendo dignità, rispetto, eguaglianza.